Layout 1

La Casa Internazionale delle Donne di Roma inaugura la I° Edizione della manifestazione estiva LA CASA (S)PIAZZA.

Un ricco calendario di eventi, iniziative e appuntamenti dedicato alla cultura, nato dalla volontà della Casa internazionale delle Donne di Roma con l’intento di promuovere uno spazio estivo per la cultura a Trastevere. Dopo gli ennesimi tagli all’Estate romana e alla cultura, che rendono difficile la realizzazione di manifestazioni culturali e festival da parte delle realtà territoriali autonome, la Casa Internazionale delle Donne vuol far rete con tutte le associazioni, cooperative e gruppi artistici per riuscire a dare, nonostante tutto, alle cittadine e ai cittadini uno spazio estivo per la cultura: teatro, musica e cinema di qualità. Solo costruendo una Rete di partecipazione e condivisione, una cordata “artistico-culturale”dove si metteranno in comune capacità, risorse tecniche ed umane, artistiche e spazi, sarà possibile realizzare assieme una ‘piazza ’ ricca di arte e cultura per tutti.

La manifestazione culturale estiva è organizzata a sostegno della Casa internazionale delle Donne, tutte le artiste/i, le relatrici/ori, le registe/i sono intervenuti a titolo gratuito per offrire il loro sostegno alla Casa internazionale delle Donne di Roma.

Nel suggestivo cortile seicentesco, ci sarà una CineArena dedicata al cinema d’autore e mirata a tematiche d’interesse sociale.

Tre sezioni tematiche: la prima, “Dentro/Fuori: oltre le sbarre sprigioniamo parole” dedicata al tema delle carceri, ma non solo: il dentro/fuori di spazi, culture, religioni, migranti, isolani e isolati. Lo stesso Palazzo del Buon Pastore, oggi sede della Casa, è un ex reclusorio femminile. Per oltre tre secoli, vi furono recluse giovanissime donne, alle quali venivano imposti percorsi di ‘pentimento’ individuale e collettivo attraverso la mortificazione dei corpi e l’annullamento dell’identità. E’ evidente, dunque, l’alto significato simbolico della scelta che compirono i gruppi di donne di via del Governo Vecchio quando nel 1983 ottennero dalla giunta comunale l’assegnazione dell’immobile di via della Lungara come luogo di cittadinanza femminile. Tra i film delle registe/i: Paolo e Vittorio Taviani, Giovanna Taviani, Piero Cannizzaro, Giancarlo Capozzoli, Ivano De Matteo. Stasera parliamo di cinema: in tutte le serate sarà possibile incontrare le registe/i, le attrici/attori, le personalità del mondo della cultura: Simone Zampagni, Direttore della Fotografia di Cesare deve morire, la prof.ssa sociologa M. I. Macioti, l’Assessore alla Cultura del I° Municipio Andrea Valeri, l’On. Luciano Violante e il prof. Mauro Palma, Semi di Libertà, progetto d’inclusione sociale attraverso il lavoro con “Vale La Pena”, birrificio artigianale dove lavorano i detenuti del Carcere di Rebibbia e molti altri ancora.

La seconda sezione sarà dedicata ai film e corti della piccola distribuzione particolarmente interessanti per il loro sguardo sulle tematiche femminili a cura di Cinema d’Autrice. Saranno presenti alle serate: Fabiana Sargentini con l’attrice Donatella Finocchiaro, Cinzia Bormioli con l’attrice Lorenza Indovina, Valia Santella con l’attrice Teresa Saponangelo, verrà proiettato il documentario su Patrizia Cavalli di Roberto Di Francesco.

Concluderà la rassegna di cinema, “Dalla piazza al mondo” film in v.o. con sottotitoli in italiano di cineaste/i provenienti da tutti i continenti a cura di Controluce. Il Film Studio parteciperà con il documentario “Le donne butanesi” di Chiara Citrelli, e ci regalerà una serata sulla storia del loro cinema d’essai romano.

Il 9 luglio una Serata dedicata a Berlino, con la Emons Audiolibri, Visit Berlin e il Goethe Institut Rom.

Stasera si balla con la milonga popolare, tango senza schemi: la Milonga Popolare Centocelle, Tango Queer Roma, Tango libero e il flamenco El Mirabras. Musica dal vivo con, tra le altre, Diana Tejera e Barbara D’Eramo e musica lounge a cura di Loriana Dj, Dj set con Lanificio Factory.

Teatro, le studentesse del dipartimento di Drammaturgia dell’Università di Tor Vergata di Roma metteranno in scena l’Agamennone di Eschilo.

Tante le adesioni all’iniziativa: Lanificio Factory (Pietralata), Film Studio (Trastevere), Salina Doc Fest (Sicilia), Dipartimento di Drammaturgia Università di Tor Vergata (Roma), Semi di Libertà “chi esce senza misure alternative torna in galera” progetto di inclusione sociale nelle Carceri con il Birrificio Vale La Pena, Cinema D’Autrice, Controluce associazione di autori cinematografici, per promuovere il cinema italiano all’estero (Sud Africa, Brasile), Emons Audiolibri, Tango Fem, El Mirabras.

Appuntamento, dunque, tutte le sere dalle 19:30 al BistroBaretto: musica, birra di ottima qualità, vino, stuzzichi e due chiacchiere alla Casa Internazionale delle Donne, via San Francesco di Sales, 1/A.

La direzione artistica è a cura di Chiara Colafranceschi.

L’ingresso è APERTO A TUTTI, con una tessera estiva di € 5.00 valida per l’intera manifestazione.

Per scoprire il programma completo e seguire i nostri aggiornamenti: casainternazionaledelledonne.org
FB. Casa Internazionale delle Donne
TW. CasaIntDonne_Rm
#lacasaspiazza

Condividi su